Come si produce una pipa?

step by step

Nel magico mondo della pipa tutto ha inizio con il ciocco, escrescenza legnosa che può arrivare a 2 mt. Di altezza e dal quale si forma la radica .Essa viene poi segata in pezzi che si chiamano abbozzi, che devono bollire per 12 ore e poi asciugare perfettamente.Gli abbozzi arrivano presso gli artigiani in sacchi di juta o balle, ogni balla ne contiene da 30 a 60 dozzine. Questi ultimi vengono divisi a secondo delle dimensioni.La radica può avere dei piccoli difetti che vengono rimossi con la bucatura e la stuccatura passaggi della lavorazione della pipa. Ci sono poi delle placche assolutamente perfette che hanno però prezzi molto costosi.Possiamo trovare la radica soprattutto in Calabria Toscana Sardegna Liguria Sicilia.

Una pipa può essere, naturale,verniciata, sabbiata o rusticata.

Le prime due sono pipe prive di difetti. La pipa sabbiata è sottoposta a un fortissimo getto di sabbia fine che evidenzia le sottili venature orizzontali e verticali nel legno sembra rugosa. Si fa su teste di buona radica.

La pipa rusticata non è generalmente pipa di pregio, anche se ugualmente gradevole da fumare. La lavorazione viene fatta con piccole frese che scalfendo il legno confondono i difetti di questo. La pipa rusticata viene venduta a prezzi inferiori.

La pipa è costituita da 2 parti la testa (vaso o focolaio) dove si carica, dal cannello/ fornello e dal bocchino.

Il bocchino può essere di vari materiali . Perlopiù adesso vengono fatti in metacrilato o ebanite.

Deve essere percepito comodo in bocca senza affaticare denti e mascelle. Si può pulire esternamente con pelle di daino, internamente basterà uno scovolino.

Il processo della lavorazione della pipa verrà spiegato molto velocemente, dagli abbozzi si ricavano le teste, che vengono cartate e selezionate in base alla qualità del legno. Floccate e bucate dove poi verrà inserito il bocchino. Dopodichè vengono riselezionate per le varie finiture . Saranno paregggiate, bucate stuccate e fatte a carta fine. Poi si passa alla colorazione con tinte ecologiche all acqua, tamponatura del bocchino e della testa fatta manualmente, e infine lucidatura della pipa e timbratura.

Gli oggetti necessari per chi fuma la pipa sono il curapipe che ha la funzione di comprimere il tabacco per regolarne il tiraggio. Lo scovolino, indispensabile per pulire il cannello e il bocchino, e infine il battipipa, un cono di sughero al centro di un posacenere che serve per svuotare la pipa.

Richiedi informazioni